Servizi Italia ha chiuso il primo trimestre con un utile netto consolidato in calo a 0,2 mln rispetto ai 2,7 mln del primo trimestre 2019.

I ricavi consolidati - spiega una nota - calano a 62,9 mln (65,1 mln nel primo trimestre 2019).

L'Ebitda consolidato è pari a 15,4 mln (16,9 mln nello stesso periodo del 2019). L'Ebit consolidato scende a 1,9 mln (3,2 mln nel 1Q2019).

La Pfn è pari a 135,1 mln (127,4 mln al 31 dicembre 2019).

La società segnala la nomina per cooptazione del Consigliere Simona Campanini e quella del Consigliere Antonio Aristide Mastrangelo quale Lead Independent Director e membro del Comitato Controllo e Rischi e Comitato per le Nomine e la Remunerazione.

"L'emergenza sanitaria in corso - ha dichiarato Roberto Olivi, presidente del Comitato Esecutivo di Servizi Italia - ha posto l'attenzione a livello nazionale sui servizi offerti dal gruppo, evidenziando l'importanza per il sistema sanitario di essere assistito da partner industriali affidabili, finanziariamente solidi e in grado di offrire soluzioni operative adeguate anche in momenti di criticità come quello corrente. In tal senso, crediamo che l'attuale situazione possa aiutare a porre le basi per risolvere alcune criticità specifiche del comparto dei servizi alla Sanità, quale in particolare il fenomeno dell'aggiudicazione di appalti con offerte economiche sempre più al ribasso, che ha inciso negativamente sui risultati del gruppo del primo trimestre 2020".

com/cce

 

(END) Dow Jones Newswires

May 13, 2020 12:54 ET (16:54 GMT)

Copyright (c) 2020 MF-Dow Jones News Srl.