L'Europa sta spendendo centinaia di miliardi di euro per liberarsi del gas naturale russo, ma c'è un angolo del mercato energetico in cui il continente fa fatica a liberarsi da Mosca.

Mentre le forniture di gas russo tramite oleodotto, che costituivano la maggior parte delle importazioni europee di gas prima della guerra in Ucraina, sono ridotte al minimo, gli importatori europei hanno fatto un'eccezione per quel che riguarda il gas naturale liquefatto (Gnl) fornito via mare.

Il Gnl è stato definito come la salvezza per l'Europa, ora che vuole liberarsi dalla dipendenza dal gas russo. A differenza del gas in arrivo tramite gasdotto, il Gnl super raffreddato può essere spedito da regioni lontane, inclusi Stati Uniti e Qatar. Da quando la Russia ha invaso l'Ucraina, diventando uno Stato pariah, gli europei hanno iniziato a costruire nuovi impianti di Gnl per importare gas da tutto il mondo. Lo sforzo - e le mosse della stessa Russia per limitare le forniture tramite gasdotto - hanno contribuito a ridurre la quota totale di gas russo al 14% delle importazioni complessive dell'Unione europea, dal 45% prima della guerra. Le importazioni da parte dell'Ue di gas naturale liquefatto russo sono aumentate del 41% quest'anno (fino ad agosto) rispetto allo stesso periodo nel 2021, secondo la Commissione europea. La Russia è la seconda fonte di Gnl dell'Ue, dopo gli Stati Uniti.

Gli importatori sostengono che le spedizioni non sono coperte dalle sanzioni dell'Ue e che l'acquisto di Gnl dalla Russia, insieme ad altri fornitori, è necessario per mantenere sotto controllo i prezzi energetici europei. Eppure questi scambi remano contro gli sforzi dell'Ue di privare la Russia dei proventi derivanti dalla vendita di combustibili fossili. L'Ue vieterà la maggior parte delle importazioni di greggio russo a dicembre, ma finora ha risparmiato le importazioni di gas dall'embargo.

"Il Gnl russo è il cavallo scuro del regime delle sanzioni", ha affermato Maria Shagina, ricercatrice presso l'International Institute for Strategic Studies con sede a Londra. Secondo Jake Horslen, analista che si occupa di Gnl presso Energy Aspects, il Gnl russo ha rappresentato l'8% delle importazioni di gas dell'Unione europea e del Regno Unito dall'inizio di marzo. "Ogni molecola conta al momento, quindi è ancora abbastanza critico per l'Europa", ha affermato. Anche se il più grande esportatore russo di Gnl è Novatek - una società privata, non controllata dalla statale Gazprom - l'aumento delle vendite di Gnl conferisce al Cremlino una certa influenza sui mercati energetici europei dopo che il calo delle forniture di gas in arrivo tramite gasdotto ha ridotto la leva di Mosca sull'Europa, affermano gli analisti. "La continua dipendenza dal Gnl russo comporta il rischio che le forniture di energia vengano utilizzate come strumento politico di ricatto", hanno scritto in un recente articolo Anne-Sophie Corbeau e Diego Rivera Rivota, ricercatori del Center on Global Energy Policy della Columbia University.

A pochi mesi dall'inizio della guerra in Ucraina, la Russia ha interrotto il transito del gas attraverso la Polonia, dopodiché ha chiuso il gasdotto Nord Stream 1 verso la Germania, la principale arteria per l'invio di gas in Europa. A settembre, potenti esplosioni hanno danneggiato il Nord Stream 1 e 2, che non era però in funzione. Gli investigatori europei hanno affermato che si è trattato di sabotaggio e alcuni funzionari europei hanno puntato il dito contro Mosca. La Russia insiste sul fatto che continua a essere un fornitore affidabile e il presidente russo, Vladimir Putin, ha affermato che dietro le esplosioni c'erano i governi "anglosassoni".

Qualunque sia la causa, l'ampio danno fa sì che le esportazioni di gas tramite i gasdotti russi verso l'Europa non possano aumentare in modo significativo nel prossimo futuro, a differenza delle esportazioni di Gnl. Alcuni giorni prima dell'esplosione del Nord Stream, una nave cisterna per il trasporto di Gnl è salpata dal nuovissimo terminale per l'esportazione del gas della Russia a Portovaya, sulla costa baltica. La nave Pskov ha navigato attraverso il Mare del Nord e ha fatto il giro di Francia e Spagna prima di scaricare il Gnl, questo mese, in Grecia. Il mese scorso, la Francia è stata il principale importatore del Gnl russo, seguita da Spagna e Belgio, secondo Kpler. Nei primi otto mesi dell'anno il Gnl russo rappresentava il 17% delle importazioni totali di Gnl dell'Ue, mentre gli Stati Uniti rappresentavano il 45%, secondo l'Unione europea.

La società francese TotalEnergies spedirà il Gnl dalla Russia finché che le sanzioni lo consentiranno, perché i volumi contribuiscono alla sicurezza dell'approvvigionamento per l'Europa, ha detto l'amministratore delegato Patrick Pouyanne questo mese. Total è un azionista di minoranza di Novatek e possiede un quinto del suo impianto per il Gnl di Yamal, nell'Artico.

cos

 

(END) Dow Jones Newswires

October 24, 2022 07:54 ET (11:54 GMT)

Copyright (c) 2022 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni TotalEnergies (EU:TTE)
Storico
Da Dic 2022 a Gen 2023 Clicca qui per i Grafici di TotalEnergies
Grafico Azioni TotalEnergies (EU:TTE)
Storico
Da Gen 2022 a Gen 2023 Clicca qui per i Grafici di TotalEnergies