L'azionario europeo prosegue la seduta contrastato (Ftse Mib -0,08%, Cac 40 +0,41%, Dax +0,51, Ftse 100 -0,3%), dopo che il Congresso statunitense ha formalmente certificato la vittoria del presidente eletto, Joe Biden, dopo che i legislatori hanno ripreso il dibattito interrotto a causa dell'assalto a Capitol Hill da parte di sostenitori del presidente Usa, Donald Trump.

Il Presidente Usa, Donald Trump, ha rilasciato una dichiarazione in cui si impegna a una transizione ordinata del potere il 20 gennaio, il giorno dell'insediamento del presidente eletto Joe Biden.

Sul fronte dei dati macro, l'inflazione nell'area euro a dicembre, secondo la lettura preliminare, è diminuita dello 0,3% a livello annuale, come a novembre e piú di quanto atteso dal consenso degli economisti contattati dal Wall Street Journal, a -0,2% a/a.

Le vendite al dettaglio nell'Eurozona, invece, sono diminuite del 6,1% su base mensile e del 2,9% a livello annuale a novembre. La lettura ha deluso il consenso degli economisti che avevano previsto un calo piú contenuto, del 2,3% m/m.

Focus poi sugli indici di fiducia economica della Commissione Europea. L'indice di fiducia economica nei Paesi dell'Eurozona è salito a 90,4 punti a dicembre dagli 87,7 di novembre, battendo il consenso degli economisti contattati dal Wall Street Journal a 89,3 punti.

L'indice di fiducia delle imprese invece si è attestato a -7,2 punti rispetto ai -10,1 del mese precedente (-8,1 punti il consenso Wsj). L'indicatore del settore servizi poi è peggiorato a -17,4 punti dai -17,1 di novembre.

Infine, il dato definitivo dell'indice di fiducia dei consumatori è risultato pari a -13,9 punti, come da preliminare, in miglioramento dai -17,6 del mese precedente.

A piazza Affari, in luce B.Unicem (+2,84%), che prosegue i forti guadagni della vigilia (+7,96%). Seguono Fca (+2,07%), Prysmain (+1,54%) e Pirelli (+0,86%), mentre perdono terreno Ferrari (-1,82%), Stm (-0,84%) e Leonardo Spa (-0,76%).

Da notare Cnh I. (+0,03%), in scia ai giudizi positivi degli analisti dopo la notizia della ripresa delle trattative per cedere Iveco al gruppo cinese Faw.

Bene poi le banche: Bper +3,06%, Banco Bpm +2,45%, Intesa Sanpaolo +0,86%, B.P.Sondrio +1,73%. Occhi puntati poi sempre su Unicredit (+0,23%) e B.Mps (-0,03%), in scia alle indiscrezioni di stampa secondo cui Amco potrebbe acquistare fino a 14 mld euro di crediti non performanti di Unicredit (oltre il 60% degli Npl lordi della banca), nel contesto di una acquisizione di B.Mps.

Tra le mid cap, in calo Autogrill (-1,63% a 5,42 euro), su cui Equita Sim ha limato il target price del 2% a 5,3 euro, confermando a hold il rating.

Sulla parità, invece, Iren, dopo le indiscrezioni di MF secondo cui Torino sarebbe pronta a salire nel controllo di Iren attraverso Città Metropolitana. Secondo il quotidiano, l`ente pubbico potrebbe acquisire sul mercato l`1% di azioni Iren.

cm

 

(END) Dow Jones Newswires

January 07, 2021 05:21 ET (10:21 GMT)

Copyright (c) 2021 MF-Dow Jones News Srl.