Il listino milanese ha chiuso in deciso rialzo la prima seduta della settimana, in cui i mercati inglesi e statunitensi non hanno aperto per festivitá. Il Ftse Mib ha segnato +1,61% a 17.595 punti, in linea con i guadagni diffusi in tutta Europa.

A sostenere il sentiment del mercato da un lato la conferma del trend in rallentamento di nuovi contagi da coronavirus in Europa continentale, dall'altro il dato sull'Ifo tedesco superiore alle attese.

In Germania, infatti, l'indice Ifo si è attestato a 79,5 punti nella lettura di maggio, in ripresa rispetto ai 74,3 di aprile e al di sopra del consenso degli economisti a quota 78,8 punti.

Il prodotto interno lordo tedesco del primo trimestre, invece, in base alla seconda lettura, si è contratto del 2,2% a livello trimestrale e del 2,3% su base annuale. Il dato è in linea sia alla lettura preliminare che al consenso degli economisti e conferma che Berlino è in recessione.

A piazza Affari, in luce gli industriali. In particolare, in deciso progresso Leonardo Spa (+5,94%), Cnh I. (+5,5%), Fca (+3,49%), Prysmian (+2,37%), Ferrari (+1,77%), Stm (+1,37%) e Pirelli (+1,31%). Da notare B.Unicem (+2,95% a 17,44 euro), che ha acquistato nel periodo compreso tra il 18 e il 22 maggio 2020 1.200 azioni proprie ordinarie e nessuna azione propria di risparmio per un controvalore complessivo di 19.188 euro.

In evidenza le utility: A2A +3,66%, Hera +3,6%, Terna +2,95%, Snam +2,54%, Italgas +1,76%, Enel +1,56%. Bene Nexi (+2,15% a 15,67 euro), su cui Equita Sim ha ribadito la raccomandazione hold e il prezzo obiettivo a 13,5 euro dopo che l'Eba ha chiesto agli intermediari di aumentare la soglia del contacless, che durante la pandemia di Covid-19 ha avuto un forte incremento di utilizzo, da 25 a 50 euro per transazione.

In territorio positivo il settore bancario con lo spread Btp/Bund poco mosso a 207,262 punti base rispetto ai 209,47 pb della chiusura di venerdì dopo che l'indice Ifo, con l'attenzione che resta su Bruxelles e sul Recovery Fund: Banco Bpm +1%, Intesa Sanpaolo +0,9%, Unicredit +0,62%, Ubi B. +0,49%, Mediobanca +0,35%, Bper +0,27%.

Focus su Atlantia (+1,33% a 14,13 euro), che è tornata sotto i riflettori del mercato in scia all'incertezza sul tema della concessione. Banca Imi ha confermato il rating hold e il prezzo obiettivo a 23,6 euro sul titolo.

Tra le mid cap, bene Autogrill (+12,24%), Ascopiave (+7,35%) e Technogym (+7,05%). Segue B.Ifis (+5,48% a 7,7 euro), dopo che il Presidente Sebastien Egon von Furstenberg ha trasferito al figlio Ernesto Furstenberg Fassio la nuda proprietá di 1.130.682 azioni ordinarie di La Scogliera, rappresentative di circa il 51% del capitale sociale della societá e dei diritti di voto connessi. Mediobanca Securities ha ribadito la raccomandazione neutral e il prezzo obiettivo a 10,5 euro sul titolo.

In progresso Ovs (+4,8%), in scia alle indiscrezioni di stampa secondo cui la societá sarebbe vicina a finalizzare un prestito da 100 mln da un pool di banche, con la garanzia di Sace come definita nel Decreto Liquiditá.

In calo, invece, Enav (-3,32%), Mutuionline (-3,24%) e Sogefi (-1,83%). Da notare Safilo (+6,59% a 0,71 euro), dopo che l'azienda ha annunciato con Ports un nuovo accordo di licenza decennale per il design, la produzione e la distribuzione di occhiali da sole e montature da vista.

Sull'Aim, denaro su Officina Stellare (+2,99%), che ha siglato l'Innovation Project Agreement finalizzato alla realizzazione di un sistema ottico per Comunicazione Laser (TAO).

cm

chiara.migliaccio@mfdowjones.it

 

(END) Dow Jones Newswires

May 25, 2020 11:54 ET (15:54 GMT)

Copyright (c) 2020 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni Banca Ifis (BIT:IF)
Storico
Da Lug 2020 a Ago 2020 Clicca qui per i Grafici di Banca Ifis
Grafico Azioni Banca Ifis (BIT:IF)
Storico
Da Ago 2019 a Ago 2020 Clicca qui per i Grafici di Banca Ifis