A 105 chilometri dalla città costiera norvegese di Bergen, una piattaforma sta perforando strati di fango e roccia sotto il Mare del Nord. Le aziende energetiche dietro l'impianto non cercano petrolio o gas ma solo un posto in cui riporre le grandi quantità di gas serra emessi dagli impianti industriali di tutta Europa.

Il progetto Northern Lights - una joint venture da 2,6 miliardi di dollari che coinvolge Shell, TotalEnergies, Equinor e il governo norvegese - è uno dei quasi 200 progetti per la cattura del carbonio attualmente operativi o in fase di sviluppo in tutto il mondo, secondo il Global Ccs Institute. Una volta completato nel 2024, il progetto sarà il più grande al mondo per la cattura e immagazzinamento dell'anidride carbonica nel sottosuolo.

Questi progetti mirano a invertire l'impatto della combustione di combustibili fossili reimmettendo l'anidride carbonica nel terreno. Il gas serra viene estratto dall'aria e da impianti industriali che producono elettricità, acciaio, alluminio o cemento. Se il progetto viene realizzato correttamente, affermano i geologi, l'anidride carbonica può essere immagazzinata in modo sicuro per generazioni. "Stiamo effettivamente utilizzando al contrario lo stesso meccanismo che ha tenuto sottoterra petrolio e gas per milioni di anni", ha affermato Cristel Lambton, direttore tecnico di Northern Lights.

Il rischio è che l'infrastruttura composta da pozzi e condutture alla fine perda, consentendo all'anidride carbonica di rientrare nell'atmosfera. La CO2 deve diminuire se il mondo vuole evitare gli effetti peggiori del cambiamento climatico, secondo gli scienziati. Iniziative come Northern Lights mirano a bloccare le emissioni industriali di anidride carbonica prima che raggiungano l'atmosfera. Altre usano ventilatori giganti per aspirare l'aria esterna e filtrare l'anidride carbonica, un processo noto come cattura diretta dell'aria. Ci sono anche sforzi sperimentali per utilizzare l'oceano come un enorme pozzo di anidride carbonica alterandone la chimica. Le iniziative in corso stanno mostrando quali tecnologie e formazioni geologiche sono più affidabili.

"Vogliamo che lo stoccaggio del carbonio sia permanente ma vogliamo fornire fiducia a investitori, autorità di regolamentazione e altre parti interessate", ha affermato Susan Hovorka, ricercatrice senior presso il Gulf Coast Carbon Center presso l'Università del Texas, che ha svolto ricerche sui metodi di cattura negli ultimi 24 anni. Northern Lights prevede di pompare l'anidride carbonica in uno strato di arenaria a circa 2,4 chilometri di profondità nel fondale del mare. Lì il gas dovrebbe dissolversi nell'acqua salata e interagire con i minerali. Dopo un secolo, circa la metà dell'anidride carbonica pompata diventerà parte della roccia, secondo Lambton. "Più a lungo la CO2 rimarrà nel serbatoio, più sicuro diventerà", ha spiegato. L'obiettivo di Northern Lights è di catturare 1,5 milioni di tonnellate di anidride carbonica all'anno dal 2024, raggiungendo alla fine i 5 milioni di tonnellate all'anno.

cos

 

(END) Dow Jones Newswires

October 28, 2022 13:16 ET (17:16 GMT)

Copyright (c) 2022 MF-Dow Jones News Srl.
Grafico Azioni TotalEnergies (EU:TTE)
Storico
Da Dic 2022 a Gen 2023 Clicca qui per i Grafici di TotalEnergies
Grafico Azioni TotalEnergies (EU:TTE)
Storico
Da Gen 2022 a Gen 2023 Clicca qui per i Grafici di TotalEnergies